< Torna indietro

Rottura del tendine d’Achille: opzioni di trattamento a confronto

Operare o non operare? Il classico dilemma si pone spesso anche per il trattamento delle rotture acute del tendine di Achille. Ha provato a rispondere una nuova revisione della letteratura pubblicata sul Journal of the American Academy of Orthopaedic Surgeons e ha mostrato outcome sostanzialmente positivi ottenibili sia con la chirurgia minimamente invasiva sia con un approccio conservativo tramite l’utilizzo di una cavigliera, specie negli atleti amatoriali.
4677083.jpgSecondo alcuni studi, la scelta di non operare si era associata in passato a un tasso più elevato di nuovi infortuni e a un maggior rischio di infezioni, ma oggi le opzioni di trattamento non chirurgico si sono ampliate e comprendono la riabilitazione funzionale, resa possibile da tutori rimovibili che consentono il movimento e l’esercizio fisico e riducono il rischio di infezioni e ri-rotture rispetto all’immobilizzazione a cui si ricorreva una volta. Parallelamente, anche le procedure chirurgiche si sono evolute portando a una riduzione delle complicazioni e in particolare delle infezioni e sembrano ancora oggi la soluzione migliore per gli atleti professionisti o, in generale, per quei pazienti che svolgono professioni fisicamente impegnative.
La revisione ha dunque confermato, con la forza delle evidenze scientifiche, alcune tendenze già chiare agli addetti ai lavori.

Intanto, le percentuali di ri-rotture del tendine sono più basse di quelle riportate in passato e una ricerca recente non ha trovato differenze tra la riabilitazione funzionale e la chirurgia minimamente invasiva. Risultati sostanzialmente paragonabili si sono avuti anche riguardo ad altri parametri misurati a lungo termine, come la circonferenza del polpaccio, il range of motion della caviglia e la forza.

La riabilitazione funzionale comporta una più rapida ripresa della mobilità e un ritorno anticipato al lavoro rispetto all’immobilizzazione per otto settimane, prevista in passato da alcuni protocolli. Sotto questo aspetto, tuttavia, il trattamento chirurgico offre risultati ancora migliori e, qualunque siano le procedure adottate (open o mininvasive) comporta mediamente un ritorno al lavoro 19 giorni prima rispetto all’approccio conservativo. I pazienti operati mostrano anche un piccolo, ma statisticamente significativo, aumento della forza di flessione plantare della caviglia, che può essere utile negli atleti che fanno sport agonistico.

dejongkoape.jpg«Per gli atleti dalle elevate esigenze funzionali – ha dichiarato Anish Kadakia, professore alla Northwestern University e principale autore della revisione – il trattamento chirurgico minimamente invasivo è da ritenere superiore rispetto a quello conservativo, in quanto minimizza le complicazioni dei tessuti molli e si associa la maggior recupero di forza e resistenza».
La revisione evidenza infine l’assenza di studi che supportino le iniezioni di prp per il trattamento delle lesioni del tendine d’Achille: quelli finora condotti non evidenziano miglioramenti nei parametri funzionali. Al contrario, l’utilizzo di cellule staminali derivate dal midollo ha mostrato risultati promettenti in studi preliminari condotti su modello animale.

Prenota un appuntamento

Time

Chiama il numero
081/931888

Time

Scrivici una mail

Time

Guarda la fotogallery

Scienze dell'Alimentazione

Ortopedia e Traumatologia

Medicina dello Sport

Endocrinologia
e Metabolismo

Medicina Fisica e Riabilitativa

Ecografia

Contattaci Freccia Ambulatorio Medicina Sportiva

© 2014 Centro di Medicina dello Sport - Nocera Superiore (SA), in via V. Russo n° 181 - Tel +39 081931888 - tutti i diritti riservati - AREA RISERVATA